Fondatori: Il nostro carisma oggi

Il nostro carisma di caritá é un  piccolo grano di mostarda que, nel solco della chiesa di oggi, attraverso di noi, ha la possibilitá di svilupparsi, approfondirsi, crescere.

Ritorniamo alle nostre radici, cercando nuovi aspetti del dono che Padre Dario e Madre Eusebia hanno ricevuto nella sua ispirazione originaria.

Padre Dario diventó eucaristia vivente, sacerdote della caritá. Cercó “Dio solo” e fu tutto compassione per l´umanitá sofferente e abbandonata; come Maria totalmente aperta a Dio e tutta tenerezza per l´umanitá.

Padre Dario e Madre Eusebia ricercarono la volontá di Dio in ginocchio, contemplando Gesú crocifisso, rifiutato e abbandonato. Dal costato aperto di Gesú, conobbero il cuore di Dio e la grandezza del suo amore verso tutti i crocifissi e abbandonati che la storia mise sulla loro strada. Sentirono urgente in loro l´esigenza di revelare la grande tenerezza del cuore di Dio ai piccoli e agli ultimi. Partendo dal cuore di Dio impararono a vedere i poveri come ”la pupilla degli occhi di Dio”.

Padre Dario e Madre Eusebia si sentirono chiamati a dar vita alla nostra famiglia religiosa di Figlie di Sant´Eusebio, in Vercelli, come continuitá ideale del cenobio delle sante vergini eusebiane, dedicate alla orazione e alla diaconia della caritá.

Illuminate dalla chiesa di oggi, con meraviglia ridiscopriamo Sant´Eusebio come nostro vero Padre e ispiratore. Egli visse una singolare esperienza di chiesa-comunione nel suo cenobio, maschile e femminile, riproducendo il modello della prima comunitá di Gerusalemme descritta negli Atti degli Apostoli. Forti nelle fede insegnata dagli Apostoli, vivevano relazioni trinitarie e nel mistero di Gesú, vero Dio e vero uomo, che nell´incarnazione assunse la nostra povertá, intuirono la strada della divinizzazione dell´uomo.

Il cenobio si alimentava della Parola di Dio e della orazione. Il clima di comunine si irradiava nella Chiesa e contagiava anche coloro che erano lontani da Dio. Erano concordi con Maria, come nel Cenacolo di Gerusalemme.

Leia também