Benedetto sia il Signore per i 25 anni di Evangelizzazione



    Il 25 di ottobre 2013 abbiamo aperto l’anno giubilare della nostra presenza missionaria, in Malhada dos Bois, nel desiderio di fare di questo evento una favorevole opportunità di evangelizzazione.
Abbiamo pensato di solennizzare le date più significative della nostra Congregazione, insieme a tutta la comunità: il 29 marzo, il triduo in preparazione alla festa di S. Eusebio e la propria festa di S. Eusebio.

Le S. Missioni popolari, celebrate  la settimana dopo Pasqua, in Malhada dos Bois e Cruz da Donzela, hanno rappresentato il momento forte di partecipazione comunitaria agli incontri di preghiera, di condivisione fraterna, risvegliando la fede cristiana e rinsaldando i vincoli di fraternità e collaborazione. Si è sottolineato l’importanza di vivere il proprio impegno cristiano, collocandosi, in alcuna forma, a servizio della crescita della comunità. É nato così il gruppo Eventi “Amar e Servir”, formato da persone che si sono messe a disposizione per promuovere varie attività per raccogliere fondi per la festa del 25.mo. Hanno organizzato  pranzi e cene comunitarie, dedicando tempo, fatica e creatività, in un clima di condivisione fraterna e festosa. E la comunità ha risposto con entusiasmo e grande partecipazione. 


Il 25 di ottobre c’è stata la solenne Celebrazione Eucaristica di ringraziamento per i 25 anni di evangelizzazione nelle comunità di Malhada e frazioni, e nelle varie parrocchie della diocesi, soprattutto per l’impegno di formazione di catechisti e animatori di comunità.










Mons. Mario Sivieri, vescovo della nostra diocesi di Proprià, ha presieduto l’ Eucaristia, concelebrata da vari Sacerdoti della Diocesi. 






Erano presenti la nostra Madre Suor Antonia e Suor Maria Daria, le Sorelle di Guarantinguetà, Suor Giancarla dal Perù e alcune religiose della CRB del nostro nucleo, oltre alle varie comunità che hanno voluto presenziare per i vincoli di amicizia e collaborazione.

L’Eucaristia si è svolta in un clima di intensa preghiera, ben animata e festosa. 











Al momento della Liturgia della Parola, un gruppo di adolescenti ha introdotto il libro della Sacra Scrittura, danzando e cantando, accompagnato da tutta l’assemblea, mentre la Parola passava di mano in mano...




Durante la omelia il Vescovo Dom Mario ha evidenziato che il nome “Figlie di S. Eusebio” ‘eusebiane’, ha il significato profondo di ‘missione’,  scaturito dalla vita tutta dedita  alla missione del nostro patrono S. Eusebio.  É un invito a ‘uscire’, andare verso le periferie della umanità bisognosa di conoscere Gesù ed essere evangelizzata; sempre in cammino... Inoltre, come religiose, ci ha mostrato la nostra vocazione a testimoniare il volto materno della Chiesa, sul modello di Maria.







All’offertorio sono stati presentati i prodotti della terra qui coltivati con la fatica e il lavoro del contadino. 






Le bandiere dei quattro paesi dove la nostra Congregazione è presente, simbolo delle sofferenze e speranze di questi popoli; la striscia con impressi i piedi di quanti, come impegno delle S. Missioni, hanno voluto rendersi disponibili a un servizio comunitario.





L’Eucaristia, che ci ha visto riuniti formando un solo popolo, ha rappresentato il momento forte di ringraziamento per tutto quello che il Signore ha operato, in noi e nella comunità, in questi 25 anni di presenza, che è stato un dare e un ricevere, un continuo imparare e un continuo camminare, un evangelizzare e un essere evangelizzati...










Abbiamo ringraziato il Signore per la vita, per la chiamata alla vita religiosa nella nostra Congregazione, per essere state inviate come missionarie a incarnare il Carisma di carità dei nostri umili Fondatori, inseriti in mezzo a questo popolo. 










Lo abbiamo ringraziato per il cammino fatto insieme a questa gente semplice, accogliente, aperta...Grazie anche per i momenti difficili superati nella fede e nella comunione fraterna.

Siccome tutti i salmi finiscono in gloria, si è vissuto un forte momento di agape fraterna, preparata con tanta dedicazione e creatività dalla comunità di Malhada dos Bois. Tutte le comunità presenti vi hanno partecipato in un clima di festa e di gioiosa fraternità. Il centro comunitario Casa Maria de Nazaret  si è, come dire, allargato al massimo per poter accogliere tutti!
Quante sorprese il Signore ci ha preparato in questi anni! L’ultima è stata il venire alla luce di persone semplici che hanno messo a disposizione doni e capacità, finora nascoste, a servizio della comunità e la maggior parte non frequenta la Chiesa. Sono nate amicizie nuove che hanno innestato un soffio di vita inedita nella comunità.
Per concludere diciamo che 25 anni rappresentano una tappa significativa della nostra storia, ma sono anche un invito a continuare insieme con più animo e decisione, appoggiando i nostri piedi nella missione di Gesù, impegno assunto nelle Sante Missioni!

Suor Fiorenza, Suor Flavia e Suor Maria Agnese
Malhada dos Bois  16.11.2014


Leia também